Per chi vive Sorrento nel periodo natalizio, consigliamo di seguire l’itinerario dei presepi allestiti tra il centro storico e il Museo Correale. Tradizione settecentesca radicata nella cultura partenopea è il caratteristico presepio napoletano, una rappresentazione della nascita di Gesù che è divenuta arte consacrata da amatori o professionisti artigiani. Una ragione per conoscere da vicino una tradizione secolare della cultura e dell’arte sorrentina e ammirare vere e proprie opere d’arte.

SEGUI LA MAPPA IN BASSO E SCOPRI I CINQUE PRESEPI PIU’ BELLI DI SORRENTO.

Museo Correale, Sorrento

Museo Correale, Sorrento

Chiesa del Carmine, Sorrento.

Chiesa del Carmine, Sorrento.

Sedil Dominova, Sorrento.

Sedil Dominova, Sorrento.

Chiesa dei Servi di Maria, Sorrento.

Chiesa dei Servi di Maria, Sorrento.

Basilica di Sant'Antonino, Sorrento.

Basilica di Sant’Antonino, Sorrento.

Salumeria Gambardella, Sorrento.

Salumeria Gambardella, Sorrento.

Cuomo's Lucky Store, Sorrento.

Cuomo’s Lucky Store, Sorrento.

  • Il presepe del Sedil Dominova
    Nel cuore del Centro storico di Sorrento, all’ interno del Sedil Dominova  (che ospita la sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso) viene allestito uno dei presepi più affascinanti della Penisola. Dalle dimensioni imponenti, ricopre una superficie di circa dieci mq: viene realizzato ogni anno in una nuova versione ed è visitabile dagli inizi di Dicembre. Oltre alla bellezza del presepe e alle scenografie, il colpo d’occhio è dato dal contesto che lo circonda: il sedil dominova è l’unico degli antichi seggi nobiliari che ancora oggi si possono ammirare in Campania. Simbolo della gestione del potere, il monumento è stato più volte restaurato senza mai alterarne l’ impostazione iniziale.
  • Santuario della Madonna del CarmineAllestito nel Chiostro adiacente alla Chiesa del Carmine, nel cuore della Piazza Tasso,  il presepe del Carmine è uno dei più visitati e apprezzati a Sorrento. Oltre a distinguersi per le dimensioni (circa 40 metri quadrati), è caratterizzato da un percorso scenografico realistico e poliedrico, riproponendo tutti gli aspetti della vita e delle tradizioni sorrentine con l’uso di oltre 100 pastori di varie dimensioni e paesaggi mozzafiato. 
  • Chiesa dei Servi di Maria
    Già nota per la famosa processione nera del Venerdì Santo a Sorrento, la Chiesa dei Servi di Maria in via Sersale custodisce un vero e proprio tesoro d’arte: circa quaranta pastori del XVII secolo, con dimensioni ed espressioni del viso differenti, risalenti alla celebre tradizione del settecento napoletano.
    Situati in una piccola cappella posta alla destra dell’ altare maggiore, tra i pastori risalta la statua del Bambino Gesù: scolpita in legno ed è certamente uno dei pochi pezzi del genere presenti in tutta la provincia napoletana.
  • Basilica di S.AntoninoConsiderato come un piccolo gioiello dell’arte presepiale napoletana, il presepe della Basilica di San’Antonino può essere ammirato tutto l’anno ed è ispirato alla Sorrento del settecento: dai ruderi dell’acquedotto romano di Antonino Pio, il ricco portale del duecento, ancora oggi esistente in via Santa Maria delle Grazie, le bifore dell’antico palazzo Correale in via Pietà, la bella fontana di Piazza Castello, l’antica discesa con la porta della Marina Piccola e la sovrastante chiesa di Sant’Antonino, il picco di Capo Cervo, ove oggi vi è l’Hotel Vittoria, la porta greca della Marina Grande. In seguito al terremoto del 1980, fu oggetto di un clamoroso furto; nella notte tra il 28 e 29 gennaio 1983, infatti, alcuni ladri riuscirono ad impossessarsi di tutti i preziosi pastori con relativi accessori.
  • Museo CorrealeDal 8 dicembre fino al 6 gennaio, il Museo Correale ospiterà per la prima volta il presepe realizzato dai Maestri sorrentini Antonino Paturzo e suo figlio Valentino;  simbolo dell’importante valore religioso e culturale che il presepe riveste nell’ambito dell’artigianalità locale.  Aperto al pubblico dalle 9,30 alle 18,30 (Lunedì chiuso),  sarà possibile ammirare scenografie settecentesche e pastori di legno e terracotta, con stoffe simili a quelle dei secoli precedenti.

Al di fuori delle Chiese e del Museo Correale, vale assolutamente la pena fare visita a due dei presepi più belli e affascinanti allestiti a Sorrento

 

  • La salumeria Gambardella sul Corso Italia 63, che al suo interno, tra il profumo di salumi e formaggi locali,  allestisce un presepe napoletano caratteristico diventato oramai tappa fissa per gli amanti della tradizione. Il presepe “Gambardella ” è un presepe privato realizzato all’interno da Federico Iaccarino. Il suo stile è quello tipico del 700 con 40 figure presepiali finemente modellate a mano.
  • Il Presepe di Cuomo’ s Lucky Store (che si trova in Piazza Antiche Mura, a ridosso del Bastione di Parsano )  è l’ unico presepe di grandi dimensioni realizzato da un privato, ma aperto alle visite del pubblico. Le preziose statuine, pazientemente collezionate da Carlo Cuomo nel corso degli anni, partono da una grandezza massima di 20-25 centimetri che diminuisce in ragione della profondità del loro posizionamento, in uno scenario unico e affascinante.